Aveva filmato gli aerei in atterraggio all’aeroporto di Tel Aviv, arrestato ragazzo di 20 anni

Aveva filmato gli aerei in atterraggio all’aeroporto di Tel Aviv, arrestato ragazzo di 20 anni. Il presunto autore dei voli effettuati con un drone in prossimità dell’aeroporto Sde Dov di Tel Aviv è stato arrestato la scorsa settimana.

Si tratterebbe di un ragazzo 20enne che col proprio DJI Mavic Pro aveva ripreso a distanza ravvicinata gli aerei di linea in fase di atterraggio.

Il video di questa attività incosciente è finito su youtube, con la speranza che diventasse virale. Migliaia sono stati i commenti di disapprovazione di questo atto che poteva mettere in pericolo la vita degli occupanti degli aerei..

Il giovane è stato arrestato e interrogato, oltre che confiscata tutta l’attrezzatura video da lui usata. Messo agli arresti domiciliari per 5 giorni. Puoi approfondire la notizia qui Arutz Sheva 7.

Come mai in questo caso è stato possibile per il il 20enne volare vicino all’aeroporto con un DJI Mavic Pro? Tutti sanno che recentemente la DJI ha introdotto nei suoi software delle limitazioni, le quali impediscono il volo del drone in prossimità di zone proibite. Studiamo nello specifico cosa è successo in questo caso.

Foto by Quadricottero News

Come possiamo notare dall’immagine sopra, vediamo che la no fly zone designata da DJi è di fora circolare, protegge fino ai lati della pista, ma non il corridoio di atterraggio e decollo dei velivoli. Risultato? Il 20enne non ha avuto nessun problema o limitazione nel far decollare il suo Mavic in vicinanza del corridoio di atterraggio, perché per  il sistema software del suo Mavic esso era fuori da quel cerchio virtuale.

Fonti: QuadricotteroNews , Arutz Sheva 7

 

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*